L’arresto di Pinochet e il primo gol italiano di Salas

Domenica 18 ottobre 1998, quinta giornata di campionato. La Fiorentina di Trapattoni – ritornato in patria dal Bayern Monaco – ancora imbattuta guida la classifica con 10 punti trascinata dal bomber argentino Batistuta, già 5 gol in 5 partite. Al secondo posto, con 10 punti, l’Inter di Gigi Simoni.

Il famoso ex dittatore cileno Augusto Pinochet è da ieri in stato d’arresto a Londra, piantonato dalla polizia britannica in un ospedale del centro dove si trovava per un’operazione di ernia lombare. Il mandato di cattura è stato chiesto dal giudice spagnolo Baltasar Garzon per i crimini di genocidio, torture e per i “desaparecidos” durante la giunta militare guidata dal generale.

Nella Milano nerazzurra, dopo neanche sessanta giri di lancette, un altro cileno – di professione attaccante, nato a Temuco un anno dopo il golpe del ’73 – segna il suo primo gol in Italia: Mihajlović su punizione, pennellata morbida che scavalca la difesa interista e finisce sul piede sinistro di Salas che, tutto solo, da zero metri batte Pagliuca. Il pareggio arriva dopo ventidue minuti con l’ex Winter che da fuori area lascia partire un destro al volo che non lascia scampo al bravo Marchegiani. Ci pensano poi un doppio Paulo Sergio Conceicao, Mancini e Nedved a portare i tre punti nello spogliatoio biancoceleste; inutile la doppietta di Nicola Ventola. La Fiorentina è crollata nell’anticipo giocato ieri contro la Roma di Zeman, al solito Batistuta hanno risposto il russo Aleinitchev e Totti, rispettivamente all’ottantanovesimo e novantaquattresimo. Altre vittorie di giornata tutte casalinghe: quella del Parma contro la neopromossa Salernitana, il Perugia contro il Venezia, il Piacenza contro la Sampdoria e il Cagliari contro il Milan. Pareggio tra Empoli-Bologna, Bari-Udinese e Vicenza-Juventus. Classifica: Fiorentina 12 e Roma, Inter e Juventus 10.

Fino alla fine del campionato di gol Salas ne farà 15, ultima una doppietta a Roma contro il Parma. Le reti del cileno non basteranno però per portare il tricolore nella capitale biancoceleste, tricolore che andrà al Milan per un solo punto: 70 a 69. E’ il 23 maggio 1999, continua il braccio di ferro tra le autorità britanniche e i legali di Pinochet. Il dittatore, dopo quasi due anni, grazie alle sue precarie condizioni di salute riuscirà ad evitare l’estradizione e tornare così in Cile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...